China Watching

A cura di Fabrizio Perretti

internet Cina
Gianluigi Negro

Internet in Cina: miti e realtà

La Repubblica Popolare Cinese è da diversi anni il paese col più alto numero di utenti connessi a internet. La Cina ha raggiunto questo primato nel luglio del 2008, poche settimane prima della storica inaugurazione dei giochi olimpici di Pechino. Il primato è tanto più sorprendente considerando che ancora nel 1997 in Cina c’erano poco più di 299.000 computer connessi a internet e circa 620.000 utenti internet. I domini registrati con l’estensione .cn erano 4066, ed i siti web appena 1500.

 Questi risultati del censimento ufficiale sono stati presentati dal China Internet Network Information Center-CINNC (Zhongguo Hulianwangluo Xinxi Zhongxin 中国互联网络信息中心). L’ente, creato nel 1997, è preposto all’analisi statistica dello sviluppo di internet in Cina, cui dedica due rapporti annuali. Il CNNIC è sotto l’amministrazione del Ministero dell’Informazione e dell’Industria Tecnologica-MIIT (Zhonghua Renmin Gongheguo Gongye He Xinxi Huabu 中华人民共和国工业和信息画布). L’ultimo rapporto del CNNIC risale al gennaio 2016 e rende noto che, a fine ...

Piva
Airaldo Piva

Corporate governance alla cinese

Dopo una rapida e continua crescita economica, una solida corporate governance è un fattore critico e fondamentale per l’equilibrio economico di un paese. Essa è in grado di migliorare la reputazione e l’affidabilità delle aziende, elementi essenziali per chi vuole rafforzare la propria posizione o anche solamente affacciarsi nei mercati di capitali di economie mature. Aziende che sono percepite possedere una buona governance riceveranno più facilmente fiducia e supporto dalle maggiori forze del mercato, investitori e consumatori in particolare. La progressiva internazionalizzazione delle ...

Yuan
Alessia Amighini

Lo yuan forte: una svolta necessaria?

Di pari passo con il rallentamento della crescita cinese iniziato verso la fine del 2014, anche lo yuan – la valuta cinese – si è svalutato ripetutamente. La ragione principale è la massiccia fuoriuscita di capitali dal paese, stimati in circa 1000 miliardi di dollari dalla metà del 2014, in fuga da un’economia sempre meno promettente. Una lettura facile della politica valutaria cinese, e ampiamente condivisa da politici e imprenditori dai due lati dell’Atlantico, vede nella svalutazione il tentativo di sostenere le esportazioni, in calo per effetto della debole domanda estera. È opinione ...

chinawatching
Fabrizio Perretti

Andare oltre il guanxi

«Nel fare affari in Cina, è il guanxi che fa la differenza per il successo delle imprese», «In Cina senza il guanxi non si va da nessuna parte», «La base della negoziazione di successo in Cina si fonda sul guanxi». Uno dei primi concetti che manager e imprenditori associano alla Cina è quello di guanxi: quelle riportate sopra sono alcune delle affermazioni che spesso si sentono ripetere nei numerosi convegni, articoli e libri sulla Cina. Corrispondono a verità? Per avere successo in Cina manager e imprenditori devono imparare le «strane» regole del guanxi cinese? Cerchiamo di rispondere a queste domande.

Innanzitutto chiariamo il concetto di guanxi, un concetto di non semplice definizione che spesso è stato impiegato per descrivere comportamenti molto diversi: scambio costante e reciproco di doni, corruzione, relazioni che si concretizzano in cerimoniali fondati su lunghi pranzi e sulla regola di non far «perdere la faccia» (reputazione) al proprio interlocutore, connessioni personali ecc.  Sebbene alcune di queste manifestazioni possano essere presenti, guanxi indica innanzitutto una relazione tra persone e il suo significato dipende dal contesto in cui lo si utilizza. In Cina, il termine ...