E&M

2017/5

Il commercio con l’Iran tra sanzioni e opportunità


Le sanzioni economiche sono misure restrittive imposte per modificare il comportamento di determinati Stati che mettono in pericolo la sicurezza internazionale. Impattano in termini di divieti nell’esportazione di determinate categorie di beni e colpiscono soggetti, persone fisiche, società e istituzioni inserite in blacklist.

A seguito dell’entrata in vigore del PACG, le esportazioni di beni verso l’Iran sono, salvo alcune eccezioni, oggi generalmente possibili così come è ammesso intrattenere relazioni economiche con molti soggetti economici prima in blacklist.

Per tutelarsi, le imprese che esportano verso l’Iran, al fine di non violare le restrizioni non solo dell’Unione Europea ma anche quelle statunitensi, dovranno svolgere una due diligence preventiva sulla tipologia di prodotto e sui soggetti parte della transazione, prestare particolare attenzione in sede contrattuale, sia nella scelta del foro competente sia nell’impiego di specifiche clausole «anti-embargo» e dotarsi di adeguate procedure di compliance aziendale.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.