E&M

2017/5

Mettere a frutto il fattore Italia. Intervista con l’Ambasciatore d’Italia in Iran Mauro Conciatori


Il sistema istituzionale che governa la Repubblica Islamica e l’agenda politica della leadership al governo influenzano nel profondo non solo le scelte industriali e di politica monetaria, ma anche i comportamenti delle imprese locali, degli investitori esteri e dei partner commerciali che desiderano fare affari nel Paese. Senza dimenticare che, in Iran, uno Stato imprenditore ramificato nel tessuto produttivo e finanziario è una delle primarie controparti con cui bisogna colloquiare per fare business.

La lettura del barometro politico-istituzionale richiede poi di monitorare le relazioni diplomatiche internazionali: in particolare, quelle con gli Stati Uniti e l’Unione Europea. La diplomazia può ancora aprire o chiudere rapidamente opportunità di business dato che le sanzioni sono un capitolo aperto mentre il disarmo nucleare a fini militari è un processo ben avviato, ma non terminato.

Per leggere il quadro di riferimento, per raccogliere spunti sul Paese, ci affidiamo a una voce qualificata e autorevole: l’Ambasciatore Mauro Conciatori. Rappresenta la Repubblica Italiana in Iran ed è attivamente coinvolto, fra i tanti che l’incarico prevede, in compiti di diplomazia economica.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.