Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 55

Articolo rivista - E&M - 2014/05

Corbetta Guido, Salvato Carlo

Imparare ad acquisire: l’esperienza del Gruppo Campari


Negli ultimi venti anni il Gruppo Campari cresciuto in misura significativa passando dai circa 200 milioni di euro di ricavi del 1994 a 1524 milioni del 2013. Una parte importante di tale crescita dovuta ad alcune importanti acquisizioni realizzate in Italia e, soprattutto, in molti altri paesi del mondo. In questo breve articolo presentiamo le prime operazioni realizzate dal gruppo e offriamo ...

Articolo rivista - E&M - 2015/05

Boffano Stefania, Garbarino Carlo

La variabile fiscale nella gestione dei progetti artistico-culturali


Molte le questioni da affrontare all’atto pratico per chi produce cultura. Innanzitutto la scelta del “veicolo” attraverso cui farlo, con norme che a volte sembrano voler punire una gestione efficiente. Poi l’assetto disorganico e frammentario delle regole relative alle donazioni e alla loro deducibilit. Aspetti a cui la riforma del Terzo Settore potrebbe porre rimedio. Cosa ...

Articolo rivista - E&M - 2015/05

Cancellieri Giulia, Turrini Alex

Cultural factory fra iconicità e management: un benchmarking europeo


Mentre ferve il dibattito sull’impatto economico e sociale dei centri di cultura progettati da grandi archistar, dall’analisi sulle modalit di gestione di queste nuove cultural factory emergono dati interessanti e, spesso, omogenei.

Articolo rivista - E&M - 2015/05

Baia Curioni Stefano, Casini Lorenzo

La riforma e i misteri. Sul destino dei musei statali in Italia


La strada ancora lunga e la distanza da colmare rispetto alle esperienze internazionali non piccola, ma la riforma avviata dal ministro Franceschini pone le basi per cambiare in modo profondo il ministero, cercando di razionalizzare le funzioni da svolgere, soprattutto in tema di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio museale. Cosa stato gi fatto e a quali domande bisogna ancora rispondere.
Se l’opera di tutela del Fondo Ambiente Italiano prosegue immutata da ben quarant’anni, cambia il modo di porsi di questa istituzione per adeguarsi alle nuove esigenze del pubblico con l’obiettivo di giungere alla sostenibilit totale nella gestione dei propri beni. Ecco come .

Articolo rivista - E&M - 2015/05

Bertoni Aura, Montagnani Maria Lillà

Festival in cerca di (diritto d’) autore


Dal discorso generale sulla cultura al particolare. Cultura vuol dire infatti creativit e quindi anche eventuale protezione del diritto d’autore. E in caso di festival cosa viene protetto? Molto dipende dalla tipologia di manifestazione e dal grado di coinvolgimento diretto del pubblico. Il possibile parallelo con i format televisivi.
La risposta delle citt alla globalizzazione: questo il tema dell’intervista a Piero Fassino. Il caso di Torino particolarmente interessante perch la citt ha scelto vent’anni fa di mettere la propria identit culturale al centro di un processo di trasformazione, per posizionarsi a livello globale e continuare a crescere.

Articolo rivista - E&M - 2015/04

Soda Giuseppe, Rizzi Alessandra G.

Il downsizing nelle imprese europee tra il 2002 e il 2014


Interessanti i dati che emergono dall’analisi di dodici anni di progetti di ridimensionamento dell’organico aziendale in 15 paesi europei. Ne scaturisce che il contesto legislativo non influisce pi di tanto. pi una questione di strategia e competitivit aziendale. Che non sempre produce poi risultati positivi.

Articolo rivista - E&M - 2015/04

Liebman Stefano

Il Jobs Act e l'evoluzione della disciplina dei licenziamenti in Italia


Un annoso dibattito quello sull’articolo 18 e la reintegrazione nel posto di lavoro, che affonda le radici nel 1966 e a cui il legislatore ha posto pi volte mano. Che cosa cambiato veramente con la riforma Fornero e il contratto a tutele crescenti del governo Renzi.

Articolo rivista - E&M - 2015/04

Basaglia Stefano, Paolino Chiara

La sicurezza dell’insicurezza: la nuova legge sul lavoro e gli impatti sul clima organizzativo


Le imprese hanno accolto con favore il Jobs Act, ma non chiaro se abbiano, nel breve termine, valutato tutti gli impatti (positivi e negativi) e, nel lungo termine, preso in considerazione le ripercussioni sul clima aziendale.#