E&M

2008/1

La diffusione dei piani di stock option in Italia. Situazione attuale e prospettive future


Le imprese italiane hanno introdotto i piani di incentivazione azionaria verso la fine degli anni novanta, quando alcune caratteristiche dell’ambiente competitivo e istituzionale ne hanno favorito la diffusione. Paradossalmente, tali strumenti si sono diffusi proprio quando, negli Stati Uniti, l’opinione pubblica e parte della dottrina iniziavano a metterne in discussione l’efficacia. Questo lavoro intende analizzare lo “stato dell’arte” in Italia, valutare l’evoluzione delle caratteristiche tecniche di tali strumenti, approfondire le finalità che ne hanno favorito l’implementazione, formulare ipotesi in merito al loro futuro utilizzo. I principali risultati indicano che 1. il grado di penetrazione delle stock option nella struttura organizzativa, benché crescente, risulta ancora marginale rispetto alla realtà anglosassone; 2. gli strumenti option-based sono principalmente indirizzati ai top manager, al fine di incentivarne un comportamento volto alla creazione di valore; 3. nonostante l’evoluzione dell’ambiente istituzionale non particolarmente favorevole, le stock option sembrano destinate a rimanere un elemento importante del pacchetto retributivo dei manager delle maggiori società quotate del nostro paese.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.