Ricerca

Documenti trovati: 22
Articolo rivista (E&M - 2014/05) Perretti Fabrizio, Basaglia Stefano

Le relazioni pericolose: imprese e movimenti sociali

Le relazioni tra imprese e movimenti sociali sono sempre più frequenti e non sono più, come in passato, improntate soltanto sullo scontro, ma anche sulla reciproca vicinanza. In questo studio si è cercato di illustrare, dalla prospettiva delle imprese, gli effetti di tali legami sul fronte 1. della costruzione e del cambiamento dell’identità organizzativa, 2. del loro grado di legittimazione ...

Articolo rivista (E&M - 2005/2) Guido Gianluigi, Peluso Alessandro M., Rizzato Francesco

Il mercato on line del comparison shopping: come classificare gli infomediari

Internet sta cambiando la struttura del mercato e, conseguentemente, il ruolo degli intermediari di vendita. Questo lavoro propone un modello per la classificazione di una speciale categoria di operatori: gli “infomediari”, fornitori di servizi on line per la comparazione delle alternative d’acquisto. Il modello, in forma matriciale, si basa su due dimensioni: a. la fase di ricerca delle informazioni ...

Articolo rivista (E&M - 2005/4) Mauri Chiara

Proliferazione dei prodotti negli assortimenti e disagio degli acquirenti

La proliferazione dei prodotti negli assortimenti dei negozi determina confusione, difficoltà, stress, ma anche errori nei processi di scelta? Quando i costi di elaborazione delle informazioni contenute nei negozi diventano eccessivi gli acquirenti tendono a ricorrere a strategie semplificate, e spesso commettono errori.

Articolo rivista (E&M - 2003/5) Mauri Chiara

Nuova sfida nel commercio al dettaglio: sono fedeli i consumatori… alle carte fedeltà?

Il valore di un’impresa – di qualunque impresa – dipende dalla robustezza del suo portafoglio clienti, nel senso che ha più valore un portafoglio di clienti fedeli che non un portafoglio altrettanto numeroso ma soggetto a continue compensazioni tra clienti persi e clienti nuovi. Per conoscere la fedeltà dei clienti occorre per prima cosa identificarli, quindi tracciare sistematicamente il ...

Articolo rivista (E&M - 2011/01) Zaghi Karin

Acquisto d’impulso o programmato? Il ruolo del visual merchandising

L’approccio più strategico del visual merchandising cerca di soddisfare un bisogno informativo per proporre soluzioni in grado di riflettere l’orientamento di marketing e creare valore aggiunto per il cliente. In questo senso contribuisce alla differenziazione del punto vendita e alla creazione della sua identità, così come al rafforzamento dell’identità di marca dell’industria.

Libro (Omnicanalità)

Capitolo 5. Demand fulfillment & delivery

Alla fine degli anni Novanta, quando sono nate le prime startup di ecommerce, il presidio dei processi di gestione dello stock, dell’ordine e della consegna al cliente finale ha determinato il successo o l’insuccesso di molte iniziative. Il ruolo della supply chain si conferma fondamentale anche oggi nel mondo omnicanale: la gestione della supply chain è una delle leve più importanti per favorire ...

Libro (Omnicanalità)

Capitolo 7. Single customer view

Kotler, Kartajaya, Setiawan (2010). Condizione sine qua non nell’attuazione di una strategia omnicanale è la conoscenza dei propri clienti, dei loro comportamenti, dei loro bisogni o preferenze, trasversalmente ai canali utilizzati. La costruzione di una single customer view rappresenta quindi uno dei pilastri fondanti dell’impresa omnicanale. Ogni canale e ogni occasione di contatto può essere ...

Libro (Omnicanalità)

Capitolo 1. Omnicanalità: opportunità e sfide per le aziende

L’utilizzo della omnicanalità per interagire con i propri clienti non è certamente una novità per le imprese. Oggi il dibattito si è spostato dalla valutazione delle opportunità offerte dai diversi canali (la cosiddetta omnicanalità) alla decisione di come questi debbano essere integrati tra loro per offrire al cliente un’esperienza omnicanale, ovvero coerente, consistente, integrata indipendentemente ...

Libro (Omnicanalità)

Capitolo 2. In-store technologies

I retailer tradizionali sono oggi costretti a ripensare integralmente il ruolo del punto vendita fisico, poiché il canale online ha drenato fatturato dai negozi fisici in modo non trascurabile. Basti pensare che negli Stati Uniti Gap, l’importante retailer di moda giovane, ha chiuso oltre 150 negozi solo nel 2013[1]. Sears, la catena di department store, ha chiuso 200 punti vendita e Walmart ha ...

Libro (Omnicanalità)

Capitolo 4. Social customer engagement

Deighton, Kornfeld (2009). «Engage or die» è il nuovo mantra del marketing. Un concetto nato con l’affermarsi dei social media negli ultimi anni[1], le cui regole sono nuove e richiedono alle funzioni marketing un completo ripensamento delle logiche tradizionali di relazione con il cliente. Si passa da un monologo guidato dall’azienda all’opportunità di avviare una conversazione digitale ...