E&M

2018/2

Parola d’ordine: chiarezza di governance. Intervista a Paolo Ceretti, Direttore Generale De Agostini SpA


Diversificare con successo la propria attività da un unico settore maturo come quello dell’editoria a nuove industry quali media e communications, giochi e servizi, e infine finanza nel giro di poco più di quindici anni: è il caso del Gruppo De Agostini, impresa a controllo familiare, ormai attiva a livello globale. La strategia di diversificazione e di internazionalizzazione è stata avviata nel 1997, con la partecipazione del Gruppo alla privatizzazione di Seat ed è successivamente proseguita con acquisizioni di aziende (come Lottomatica, Toro Assicurazioni, Gtech e IGT) e anche cessioni (come la stessa Toro Assicurazioni). In ciascuno dei settori di riferimento, De Agostini è oggi presente con società capofila con ampia autonomia operativa: le controllate De Agostini Editore (editoria), IGT (giochi e servizi) e DeA Capital (finanza) e le partecipate Atresmedia e Banijay (Media & Communications). Al vertice del Gruppo ci sono la holding della proprietà (B&D Holding), che garantisce l’unità d’intenti degli azionisti, e la holding capogruppo con funzioni di indirizzo strategico, De Agostini SpA (Figura 1). Per comprendere più da vicino la struttura e i meccanismi di funzionamento della holding capogruppo abbiamo intervistato il Direttore Generale di De Agostini SpA, Paolo Ceretti.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.