E&M

2006/2

Strategie d’acquisto e strategie di finanziamento: finanziarsi con gli acquisti?


Questo articolo analizza l’incidenza degli acquisti nella struttura dei costi dell’impresa e individua quantitativamente l’apporto finanziario garantito dai fornitori attraverso le dilazioni nei pagamenti. Si definisce una tassonomia da utilizzare per chiarire l’impatto della funzione acquisti con riferimento al settore industriale d’attività. L’obiettivo è sensibilizzare il vertice aziendale al possibile effetto delle leve economico-finanziarie del processo di acquisto favorendo, da un lato, una visione di sistema e di integrazione delle attività svolte nella funzione acquisti con l’intero processo di Supply Chain Management e, dall’altro, una maggiore consapevolezza delle conseguenze di natura finanziaria derivanti dalle tipologie di relazione con i fornitori. La logica budgetaria prevalente nella gestione delle imprese e la conseguente specializzazione dei compiti funzionali non facilita, infatti, l’emersione a livello di singola funzione di visioni allargate e integrate sui processi svolti dalle altre e, in particolare, sono raramente considerati con adeguata attenzione manageriale i prolungamenti finanziari delle decisioni operative, di cui si ritengono prioritari solo gli aspetti efficientistici. Il modello qui considerato potrebbe avere anche utili applicazioni nella formazione manageriale del primo livello di responsabilità aziendale.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.

Indice

Archivio della rivista