E&M

2012/6

“Quer pasticciaccio brutto” del Libor


Nell’estate 2012 si è appreso che il Libor è stato oggetto di svariate manipolazioni che l’hanno fissato a livelli diversi da quelli che avrebbe espresso il mercato vero e reale. Lo scandalo, che ha interessato positivamente e negativamente transazioni finanziarie per centinaia di trilioni di dollari e milioni di operatori, ha fatto sorgere dubbi non solo sull’etica di fondo che anima il comportamento delle grandi banche che partecipano alla fissazione del Libor, ma anche sulla capacità del Libor stesso – così come è oggi congegnato – di svolgere adeguatamente le sue funzioni. In proposito circolano già numerose proposte che, tuttavia, non dovrebbero stravolgerne la struttura.#Il dibattito sul futuro del Libor è quindi in pieno svolgimento pur avendo già prodotto un’importante proposta da parte della Financial Services Authority.# 

“THAT AWFUL MESS” OF THE LIBOR#It came to light in summer 2012 that the Libor has been subjected to various manipulations that set the rate at levels that do not express the true market. The scandal, which positively and negatively affected hundreds of trillions of dollars of financial transactions and millions of operators, has cast doubt not only on the ethics underlying the behaviour of the big banks that participate in setting the Libor rate, but also on the capacity of the Libor itself – as devised today – to properly perform its functions. In this regard, a number of proposals are already circulating that should not distort the structure of the Libor. The debate on the future of the Libor is thus in full swing despite having already provided an important proposal on behalf of Financial Services Authority.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.