Dall'ultimo numero

«Rimarrò fino alla fine del mio mandato a febbraio […] e non ho nulla da aggiungere sul mio futuro». Lo scorso giugno la presidente della banca centrale americana (Fed) Janet Yellen aveva utilizzato queste parole per mandare un messaggio all’attuale inquilino della Casa Bianca Donald Trump: nei prossimi mesi non pensare di poter condizionare la politica monetaria senza dover cercare accordi, oppure trovare scontri, con me. L’accordo alla fine non è stato trovato, ma il messaggio rimane. La dinamica dei rapporti tra il presidente della Fed e quello degli ...
Trump yellen

Alessandro Minichilli, Alessandro Zattoni

Corporate governance. Non solo regole


Lo studio della corporate governance – cioè delle modalità di governo delle imprese – affronta e fornisce una risposta a temi di cruciale rilevanza quali per esempio: (i) chi dovrebbe governare le imprese; (ii) secondo quali modalità e attraverso quali meccanismi dovrebbe farlo; (iii) a chi spetta il profitto o la perdita derivante dall’attività economica che l’impresa svolge. Da questi esempi si capisce quanto lo studio della corporate governance contribuisca ad alimentare – a livello nazionale e internazionale – ...
corporate governANCE

Marco Ventoruzzo

Il dissenso nel CdA


Si discute molto, in Italia e non solo, del ruolo degli amministratori nominati dai soci di minoranza. Nel nostro paese la questione è di grande interesse anche pratico, poiché da ormai dieci anni è come noto previsto, per le società quotate, un meccanismo di nomina dei consigli tramite voto di lista. Si tratta di un sistema in realtà già usato da tempo in alcune società, e dal 1998 per i sindaci, che consente agli azionisti minoritari di avere un proprio rappresentante nel CdA. Anche in altri ordinamenti esistono tuttavia sistemi di elezione ...
Ventoruzzo