Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 349

Articolo rivista - E&M - 2013/1

Brusoni Manuela, Vecchi Veronica

Cogliere la sfida dell’Expo nei territori limitrofi


A poco meno di novecento giorni dall’apertura della manifestazione urge avviare la macchina organizzativa a livello locale, in un contesto caratterizzato da carenza di risorse, nuovi assetti istituzionali e un quadro politico, a livello regionale, instabile. Il managerial flow può rappresentare un metodo di lavoro per gli enti, a livello sia locale sia sovraprovinciale, per tradurre gli ...

Articolo rivista - E&M - 2013/1

Puricelli Marina

Persone, valori, impresa: i casi P&C Product e Gimac


Ricerca di risultati di lungo periodo, zero “finanza”, scelte di prodotto o di mercato di rottura rispetto al pensiero dominante, qualità come prerequisito di ogni decisione, internazionalizzazione avviata in tempi non sospetti, famiglia a supporto dell’impresa e non viceversa, responsabilità sociale non ostentata ma praticata nel quotidiano, rispetto per i clienti ...
Un paese nel quale straordinari tassi di crescita includono la popolazione locale nel processo ormai stabile di formazione e consolidamento di una classe media sempre più allargata, una delle destinazioni più attraenti per gli investimenti internazionali e tra le mete più esclusive del mercato turistico, un modello di successo delle politiche di sviluppo e di cooperazione virtuosa ...

Articolo rivista - E&M - 2013/3

Come sarebbe l’Italia con 1000 società quotate?


Il numero delle società quotate in Italia è scarso rispetto al potenziale , a causa dell’assenza delle imprese di piccola capitalizzazione. Anche in termini qualitativi la borsa italiana appare poco rappresentativa del tessuto produttivo e delle eccellenze nazionali, data la rilevanza assunta dai comparti finanziario e minerario, cui si contrappone la sottorappresentazione dei ...

Articolo rivista - E&M - 2011/05

Bruni Massimiliano, Tripodi Carmine

Expo e filiera alimentare:  perché non possiamo fallire


L’Expo è una straordinaria opportunità per dare linfa al rilancio economico del paese, sul piano sia dei contenuti, svolgendo un ruolo di indirizzo e di stimolo per strategie e aree di investimento della filiera alimentare, sia dei processi, in quanto occasione per dare vita a una sorta di “laboratorio” in cui sperimentare una nuova forma di collaborazione tra cittadini, ...

Articolo rivista - E&M - 2011/06

Preti Paolo

Radicati nel territorio


Siamo una nazione di piccole e medie imprese, ma anche di piccoli e piccolissimi Comuni dove il 72% della popolazione vive in centri con meno di cinquemila abitanti. La nostra è, e deve rimanere, un’economia di campanile aperta al mondo.
Il segreto del successo di un’impresa che valorizza la sua identità nazionale, il suo radicamento e quello delle sue maestranze, e che non solo non è interessata alla delocalizzazione, ma si muove in ottica di vera internazionalizzazione, dei mercati e dei processi produttivi.

Articolo rivista - E&M - 2012/02

Preti Paolo

A servizio del manifatturiero


Senza nulla togliere alle imprese di credito più grandi, è la banca di credito cooperativo, la vecchia cassa rurale, che spesso si ritrova a fianco delle aziende, nella buona e nella cattiva sorte, con capacità di discernimento che deriva da conoscenza personale, partner affidabile degli imprenditori anche perché meno ha risentito della crisi internazionale.

Articolo rivista - E&M - 2014/1

Gehrke Bettina, Sportelli Margherita

Un giro del mondo per le imprese


Dopo quattro anni, con questo articolo termina la rubrica “La finestra sul mondo”. I tanti articoli pubblica ti hanno cercato di aprire alle aziende una finestra sulle opportunità del fare business nei paesi BRIC, nel Medio Oriente, in Asia e in Africa. Le curatrici presen tano una loro sintesi dei temi più ricorrenti, emersi dall’osservazione di molti paesi – ...

Articolo rivista - E&M - 2014/1

Pogutz Stefano, Perrini Francesco, Sesini Marzia

Parlando di sostenibilità. Due cartoline dal pianeta


Le due “cartoline” proposte evidenziano che, in un contesto in cui nazioni e governi non sono più in grado di trovare risposte efficaci alla crisi ambientale e sociale che viviamo, sono le aziende a essere chiamate ad affrontare queste sfide. Ciò richiede un approccio nuovo a livello strategico e operativo.