Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 405

Articolo rivista - E&M - 2017/4

Daveri Francesco, Lisciandro Mariasole

Più Europa? Non vuol dire più Stato


Una federazione centralizzata e dirigista non è l’unica alternativa alla fine del sogno europeo. C’è anche la possibilità di un’Europa federale, ma decentrata e minimalista
Oltre 260.000 app disponibili, per un totale di 3,2 miliardi di download: sono questi i dati del mercato della mHealth (mobile health) per il 2016. A testimonianza di quanto profonda sia la penetrazione di questi strumenti nella popolazione, secondo il recente report Deloitte Pharma and the connected patient, quasi il 70 per cento dei membri di 190 associazioni di pazienti di 38 diversi paesi intervistati ...
Il nuovo rapporto dell’OCSE Government at a Glance 2017 permette di cogliere le tendenze internazionali sul settore pubblico e confrontare l’Italia ai restanti membri del club dei paesi più industrializzati del mondo. Il dato che mi ha colpito di più, a dire il vero comunque noto da tempo, riguarda l’alta dirigenza dello Stato centrale. È la più anziana ...
In 113 paesi su 128 presi in considerazione, il livello di progresso sociale è incrementato dal 2014 a oggi; ma si tratta di un miglioramento lento e disomogeneo, che si concentra in alcuni specifici ambiti (come l’accesso a mezzi di informazione e comunicazione o ai sistemi educativi) e stenta a manifestarsi in altri (i diritti individuali, i livelli di sicurezza personale e di tolleranza ...
A livello globale, si registra un uso sempre più efficiente delle risorse naturali, con un aumento dell’output economico per unità di carbone emessa e per unità di materia prima consumata; ma il progresso è troppo lento e la gran parte dei paesi non è ancora riuscita a scindere completamente la crescita economica dall’uso di combustili fossili e dalla ...

Alessia A. Amighini

Le Nuove Vie della Seta


Tra la Cina e l’Europa viaggiano ogni giorno centinaia di tonnellate di merci: oltre il 90 per cento via mare, partendo dai principali porti cinesi di Shanghai, Shenzhen e Canton, passando per il Mar Cinese Meridionale e il Canale di Suez per approdare al Pireo. Le rotte che collegano attualmente due tra i maggiori esportatori del mondo, e principali partner commerciali uno per l’altro, ...

Articolo rivista - E&M - 2017/3

Masciandaro Donato

Monete e tassi, la «nuova normalità»


Mentre la BCE si mantiene fedele a una precisa regola, sull’altra sponda dell’Atlantico sembra prevalere una discrezionalità di breve periodo

Articolo rivista - E&M - 2017/3

Daveri Francesco

La Brexit che non c’è stata. Almeno finora


Dal giugno 2016 a oggi nel Regno Unito il PIL è cresciuto e la disoccupazione scesa. Ma gli effetti dell’uscita dall’UE restano da verificare
La percentuale di lavoratori dipendenti tra i 15 e i 64 anni con un contratto di lavoro temporaneo nell’Unione Europea a 28 è dell’14,2 per cento, e leggermente più alta se si restringe lo sguardo all’Eurozona (15,6). Le differenze tra i vari paesi sono molto marcate: si va dall’1,4 per cento della Romania al 27,5 per cento della Spagna. L’Italia si colloca ...

Redazione

La via cinese alla globalizzazione

Intervista ad Alberto Rossi


Partiamo dallo scenario macroeconomico. Qual è la situazione a livello di sistema e di politiche economiche in Cina in questo momento? Mi piace immaginare Xi Jinping come un equilibrista, in bilico tra riforme e crescita. Ci sono sicuramente elementi del percorso di riforme in atto, il cosiddetto New Normal, che stanno portando a risultati positivi: per esempio a livello di dinamica dei consumi ...