Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 11

Con un tasso di crescita annuo compreso tra il 6 e il 7 per cento negli ultimi anni, e tendenzialmente vicino a questi valori nel prossimo quinquennio, l’India, grazie anche a una forza lavoro giovane e in aumento, è oggi una delle economie emergenti a più alta velocità di crescita. Certo, nel breve periodo l’economia indiana mostra comunque andamenti ciclici, guidati ...
La Banca Mondiale finanzia contratti in paesi in via di sviluppo legati alla realizzazione di lavori civili o alla fornitura di beni e consulenze in molteplici settori, assumendo annualmente impegni per oltre 30 miliardi di dollari, per una media di circa 100.000 contratti all’anno. I dati più recenti relativi all’aggiudicazione di gare finanziate dalla Banca evidenziano come le ...
Il 2016 è stato il peggior anno per il commercio mondiale dal 2009, con una crescita nei volumi di beni e servizi scambiati stimabile al momento tra l’1,9 e il 2,5 per cento su base annua, a fronte del 2,7 del 2015 e del 3,8 del 2014. Questa dinamica fiacca, a differenza degli anni passati, ha riguardato tanto le economie avanzate quanto quelle emergenti. Tra le determinanti, secondo ...
L’11,3 per cento della popolazione dell’UE a 28 destina il 40 per cento o più del proprio reddito disponibile equivalente a spese abitative: affitti, mutui, spese per utilities come acqua, gas, elettricità e riscaldamento. I tre paesi in cui maggiore è la quota di persone per cui la casa è una voce di spesa tanto rilevante sono Grecia (il 40,9 per cento degli ...
Ageing della popolazione, digital disruption, competizione dalle economie emergenti e sommovimenti anti-globalizzazione: sono queste, secondo il report di McKinsey Global Institute New Priorities for the European Union at 60, le sfide che l’Unione Europea dovrà affrontare nel prossimo futuro. Un primo elemento è quello relativo all’invecchiamento della popolazione europea: ...
La percentuale di lavoratori dipendenti tra i 15 e i 64 anni con un contratto di lavoro temporaneo nell’Unione Europea a 28 è dell’14,2 per cento, e leggermente più alta se si restringe lo sguardo all’Eurozona (15,6). Le differenze tra i vari paesi sono molto marcate: si va dall’1,4 per cento della Romania al 27,5 per cento della Spagna. L’Italia si colloca ...
In 113 paesi su 128 presi in considerazione, il livello di progresso sociale è incrementato dal 2014 a oggi; ma si tratta di un miglioramento lento e disomogeneo, che si concentra in alcuni specifici ambiti (come l’accesso a mezzi di informazione e comunicazione o ai sistemi educativi) e stenta a manifestarsi in altri (i diritti individuali, i livelli di sicurezza personale e di tolleranza ...
A livello globale, si registra un uso sempre più efficiente delle risorse naturali, con un aumento dell’output economico per unità di carbone emessa e per unità di materia prima consumata; ma il progresso è troppo lento e la gran parte dei paesi non è ancora riuscita a scindere completamente la crescita economica dall’uso di combustili fossili e dalla ...
Oltre 260.000 app disponibili, per un totale di 3,2 miliardi di download: sono questi i dati del mercato della mHealth (mobile health) per il 2016. A testimonianza di quanto profonda sia la penetrazione di questi strumenti nella popolazione, secondo il recente report Deloitte Pharma and the connected patient, quasi il 70 per cento dei membri di 190 associazioni di pazienti di 38 diversi paesi intervistati ...
Nel 2040, le automobili elettriche potrebbero rappresentare il 90 per cento del parco auto nelle economie avanzate, e più della metà di quello dei paesi emergenti. L’energia per alimentarle verrà sempre più da fonti rinnovabili, i cui costi di produzione si sono abbassati nell’ultimo decennio tra il 60 (per l’eolico) e l’80 per cento (per il solare) ...