Ricerca

Documenti trovati: 6
Articolo rivista (E&M - 2010/2) Preti Paolo

Un caso italiano di eccellenza nella distribuzione: Eataly

In alcuni rari casi l’impresa commerciale riesce ad avere fornitori “deboli”, soprattutto perché di piccole dimensioni, e clienti “forti”, che ricercano un prodotto o un servizio di qualità e sono in grado di apprezzarne il costo. Eataly è uno di questi rari casi.

Articolo rivista (E&M - 2003/6) Sicca Lucio

Quale strategia per lo sviluppo paneuropeo dei produttori di beni di consumo?

Tra i modi più adatti ad assicurare un più stretto controllo del mercato estero vi è quello di acquisire imprese locali già conosciute e affermate. Ma le acquisizioni all’estero sono difficili da realizzare e per gli imprenditori italiani lo sviluppo paneuropeo per questa via si presenta problematico. Queste considerazioni suggeriscono un confronto con casi di sviluppo di imprese estere nel ...

Articolo rivista (E&M - 2007/3) Preti Paolo, Puricelli Marina

Pane e marmellata

Per dimostrare che non c’è limite all’innovazione anche nei settori maturi, per capire quale può essere un posizionamento interessante per molte piccole imprese italiane.

Articolo rivista (E&M - 2009/1) Puricelli Marina

L’impresa controcorrente: il caso Nuncas Italia SpA

Solo un orientamento di lungo periodo consente scelte in assoluta controtendenza. Guardando avanti, i proprietari della Nuncas, da imprenditori forti, hanno visto spazi di azione che molti specialisti di marketing delle multinazionali, incentivati a ottenere risultati immediati e dunque immersi in un’ottica di breve termine, faticano a cogliere.

Articolo rivista (E&M - 2009/5) Puricelli Marina

Innovare e investire nelle persone per continuare a crescere: il caso Kasanova

Questo caso può essere un utile spunto per trovare nuovi modi di competere in settori tradizionali e dimostra, ancora una volta, che non ci sono limiti alla possibilità di rompere schemi consolidati.

Libro (Gli imprenditori) Di Vico Dario

Prefazione

Negli ultimi mesi ci sono state due operazioni che hanno movimentato la scena e stimolato una vivace discussione dentro la business community italiana. La prima è quella che ha portato uno dei simboli del made in Italy alimentare, la Parmalat, sotto il controllo della multinazionale francese dei formaggi, il gruppo Lactalis. La seconda è quella che ha visto passare in mano al gruppo thailandese ...