Ricerca

Ordina per: Rilevanza | Il più recente | Il meno recente

Documenti trovati: 12

Articolo rivista - E&M - 2002/2

Coda Vittorio

I nuovi bisogni di innovazione nel governo dell’impresa


L’articolo (tratto da una relazione introduttiva all’XI Seminario di Bressanone promosso dal Dipartimento di Scienze Economiche dell’Università di Padova sul tema “I sistemi di controllo di gestione tra old e new economy”) intende dare un contributo di idee che possa essere di qualche utilità per i vertici aziendali impegnati a individuare il gap tra qualità ...
La necessità di rapporti di cooperazione e collaborazione tra le aziende appartenenti a uno stesso settore nasce dall’esigenza delle imprese di raggiungere una maggiore efficienza produttiva, di condividere il rischio delle attività di Ricerca e Sviluppo, di avere accesso a nuovi mercati e conoscenze e, infine, di conseguire una riduzione del tempo necessario per lo sviluppo di ...

Articolo rivista - E&M - 2005/4

Zattoni Alessandro

Chi dovrebbe governare un’impresa?


La normativa economica attribuisce il diritto-dovere di governo dell’impresa solo a coloro che possiedono quote del capitale di rischio. Questa soluzione è supportata da solide motivazioni teoriche e comporta notevoli vantaggi di ordine pratico. Tuttavia, chi governa l’impresa deve dedicare grande attenzione agli stakeholder che forniscono contributi “critici”, poiché ...

Articolo rivista - E&M - 2005/6

Corbetta Guido, Minichilli Alessandro

Il governo delle imprese italiane quotate a controllo familiare: i risultati di una ricerca esplorativa


Questo lavoro mira a dare indicazioni sul governo delle imprese familiari quotate alla Borsa Italiana combinando il tradizionale approccio di ricerca su caratteristiche e funzionamento del CdA nelle grandi imprese ad azionariato diffuso con le specificità delle imprese a controllo familiare. L’ipotesi è che, nonostante un diffuso scetticismo sull’efficacia dell’azione ...

Articolo rivista - E&M - 2005/1

Giugno Daniele

Modelli anglosassoni e realtà europea. Dialogo con Charles G. Tharp


Lo sforzo di oggi non è replicare pratiche eccellenti, quanto saper interpretare e rispondere a qualsiasi contesto economico supportando la gestione strategica.

Articolo rivista - E&M - 2007/4

Perrini Francesco, Rossi Ginevra, Rovetta Barbara

Concentrati è meglio? Assetti proprietari e performance: un’indagine empirica


Benché non vi siano dubbi sull'esistenza di una relazione tra struttura proprietaria e risultati aziendali, il dibattito relativo all'effetto della concentrazione sulla performance nel mercato finanziario resta acceso. Partendo da un'indagine empirica sulla popolazione delle imprese italiane quotate nel periodo 1996-2003, questo lavoro evidenzia una relazione non lineare tra concentrazione ...
Il knowledge manager deve assommare diversi ruoli, da quello tecnologico alla responsabilità dei contenuti e dei processi di KM, al marketing del servizio, che consiste nel promuovere il KM all’interno dell’organizzazione.
L’articolo analizza le relazioni tra imprese finalizzate allo sviluppo di nuova conoscenza. In particolare, vengono esaminati i processi e i contesti che agevolano la creazione di valore mediante le relazioni, sia quelle volte a produrre efficienza tecnico-produttiva sia quelle mirate allo sviluppo di nuove conoscenze, tecnologiche, organizzative e commerciali. Il lavoro approfondisce infine ...

Articolo rivista - E&M - 2000/5

Berlai Elio, Bratta Saverio Maria, Brunelli Massimo Saverio

Creazione del valore e Funzione Finanza: il caso ENEL


Il settore dell’energia elettrica è stato a lungo contraddistinto da proprietà pubblica e condizioni di monopolio regolamentato. Più di recente, lo sviluppo tecnologico ha modificato l’atteggiamento verso i monopoli c.d. “naturali”.#Le direttive elaborate in sede comunitaria per i servizi pubblici hanno richiesto l’introduzione di meccanismi concorrenziali ...

Articolo rivista - E&M - 2009/4

Durisin Boris

Il futuro dell’ipercompetizione. Intervista con Richard D’Aveni


Come possiamocompetere con i cinesie gli indiani senza perdere l’animae senza rinunciare al nostrotenore di vita?