News

13/12/2017

Investire è anche un'arte


Oltre la metà dei gestori patrimoniali afferma che tra i propri clienti si registra un interesse crescente agli investimenti in arte; e quasi il 70 per cento si aspetta che i propri clienti includano oggetti d’arte e da collezione tra i propri asset. A far luce sulla crescente popolarità degli investimenti in arte è il recente Deloitte Art and Finance Report 2017, realizzato sulla base di interviste condotte con 69 private bank e 27 family office di tutto il mondo.

L’attenzione per il mondo dell’arte tra gli operatori del settore è in deciso aumento. Quasi 9 gestori patrimoniali su 10 oggi offrono ai propri clienti servizi di valutazione delle opere d’arte; oltre 8 su 10 prevedono servizi di art advisor. Il supporto più utilizzato in assoluto resta quello legato al passaggio successorio.

Oltre a crescere, il mercato si caratterizza per evoluzioni legate alla digitalizzazione: nel 2016 le vendite online di beni artistici hanno fatto registrare una crescita a doppia cifra (+15 per cento sull’anno precedente), ed è in ascesa anche il mercato delle aste online. 

(Su questi temi leggi anche il recente volume di Gianfranco Negri-Clementi, Economia dell'arte)

economia arte